Tributi

6 Settembre 2019

Definizione agevolata delle entrate non riscosse a seguito della notifica delle ingiunzioni di pagamento ai sensi dell’art. 15 d.l. n. 34 del 30/04/2019

L’art.15 D.L. 30/04/2019 n. 34 conversione con L. 58/2019 “Estenzione della definizione agevolata delle entrate regionali e degli enti locali” ha previsto per gli Enti Locali la possibilità di disporre la definizione agevolata delle proprie entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione di pagamento di cui al regio decreto n°639 del 1910, notificati dall’anno 2000 fino al 2017.

Il comune di Pescara con Delibera Consiliare n.93 adottata nella seduta del 01/07/2019, ha approvato l’unito regolamento che ha fissato gli elementi essenziali per la definizione, nello specifico:
–    le modalità di presentazione dell’istanza e il termine ultimo per fruire della sanatoria;
–    il numero massimo di rate e le relative scadenze, con l’indicazione che l’ultima non può andare oltre il termine del 15 settembre 2021;
–    la pendenza di giudizi aventi a oggetto i debiti ai quali si riferisce l’istanza, con la dichiarazione espressa di rinunciarvi;
–    il termine entro il quale l’ente territoriale o il concessionario comunicano ai debitori le somme dovute.

Il contribuente dal punto di vista dell’esborso effettivo provvederà al pagamento integrale:
–    delle somme ingiunte a titolo di imposta e interessi (maggiore imposta evasa e interessi);
–    delle spese relative alla riscossione coattiva;
–    delle spese relative alla notifica dell’ingiunzione di pagamento;
–    delle spese relative alle eventuali procedure cautelari o esecutive sostenute;
–    di quelle maturate a favore del concessionario della riscossione a titolo di aggio.
L’istanza sospende i termini di prescrizione e decadenza per il recupero delle somme che formano oggetto di definizione.

L’omesso, insufficiente o tardivo versamento dell’unica rata o di una delle rate impedisce il perfezionamento della definizione e consente all’ente creditore il recupero immediato di quanto risulti ancora dovuto.

I versamenti già effettuati dai debitori si intendono riscossi a titolo di acconto dell’importo complessivamente dovuto.
Per aderire alla definizione agevolata, i contribuenti interessati devono presentare l’apposita  istanza entro il termine del 01/10/2019, utilizzando il modello appositamente predisposto dall’Ente.

modello di adesione

modello di richiesta di definizione agevolata per i tributi minori (ICP/Cosap)

Ultimi articoli

News 15 Aprile 2022

CANDIDATURE per nomina AMMINISTRATORE e componenti COLLEGIO SINDACALE della Adriatica Risorse SPA

In data 13 Aprile 2022 sono stati pubblicati sul sito del Comune di Pescara due distinti avvisi pubblici

News 9 Marzo 2022

Avviso Ta.Ri. 2022

Gentile contribuente,l'Adriatica Risorse S.p.A., società in house providing del Comune di Pescara, ha avviato le fasi di recapito dell’Avviso Ta.Ri. 2022 per i contribuenti del Comune di Pescara.

News 2 Dicembre 2021

CONGUAGLIO A SALDO Ta.Ri. 2021 – AVVISO AI CONTRIBUENTI

In applicazione delle nuove tariffe Ta.Ri. 2021, è stata inviata a tutti i contribuenti una comunicazione di conguaglio Ta.Ri. anno 2021.

News 9 Settembre 2021

APPROVAZIONE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARI 2021 E RELATIVE TARIFFE

Il Consiglio Comunale di Pescara, con delibera n. 79/2021 del 29/07/2021, ha approvato il piano economico finanziario Ta.Ri. 2021.

torna all'inizio del contenuto